• BLOG,  MAGLIE & CO.

    La maglia “dei 4 trofei”

    #3 M. Torricelli

    Nell’estate del 1996, dopo aver concluso la stagione precedente con la vittoria a Roma della Champions League, la Juventus prepara il campionato ’96-97, come di norma, con una serie di amichevoli e di tornei estivi. Per 4 partite di quelle giocate nei vari tornei (Trofeo “Zurigo F.C.”, Trofeo “Repubblica di San Marino”, Trofeo “Teresa Herrera” e Trofeo “Luigi Berlusconi”) la Robe di Kappa fornisce alla Juventus una maglia particolare, indossata solo in queste occasioni e mai più’ riproposta. Si tratta di una maglia blu e gialla, molto simile a quella indossata per la finale di Champions League contro l’Ajax, ma in cui le due grandi stelle sulle maniche scompaiono, in favore di due bande gialle con gli storici “omini” Kappa: quasi come se il brand torinese volesse imprimere ulteriormente il proprio marchio sulla maglia usata dai campioni nella finale vittoriosa di qualche mese prima. In questa direzione la Kappa sceglie di destinare la maglia gialla e blu per 4 partite particolari, ricche di contenuti e legate in vari modi alla storia bianconera: contro il Bayern Monaco di Giovanni Trapattoni, il Middelsbrough di Fabrizio

  • BLOG,  MAGLIE & CO.

    La leggendaria tuta azzurra “Ariston”

    Tuta presentazione (blu pavone – maniche bianche). 41% Triacetato, 59% Poliestere. Collo a camicia, polsi e bordi in poliestere per miglior confort. Garzatura interna, cerniera sul davanti, alle tasche e in fondo pantalone. Logotipo Kappa Sport. Bande laterali applicate sulle maniche e sul pantalone in poliestere contornate da profili di colore contrastabile. Logotipo Kappa Sport ricamato bicolore sul davanti. Logotipo Sponsor Ariston stampato sul davanti. Marchio Juventus F.C. stampato sul dorso.  Art. 400, Lire 97.000”. [Catalogo F.S.M. maggio 1983]

    La tuta “storica”, la più longeva, in grado di accompagnare la Juventus per ben cinque stagioni. Nell’immaginario dei primi anni ’80 se la maglia della Juventus era bianconera la tuta era azzurra e bianca, con la grande scritta Ariston sul petto e (nella versione per la squadra) sulla schiena.