• MAGAZINE,  REPORTAGE

    Guerin Sportivo: lo “zio” Cucci risponde a Cameretta Bianconera

    Guerin Sportivo, aprile 2020, p. 159.

     

    … e tutto cominciò con la FSM di Boglione e Antonino 

    Gentilissimo Sig. Cucci, innanzitutto le porgo i miei più sentiti ringraziamenti per la sua attività, che l’ha portata a essere un prezioso punto di riferimento per chi, come me, è appassionato di calcio e di sport in genere. Ma veniamo al motivo che mi spinge a disturbarla. Qualche anno fa (memore della mia passione da ragazzino per i cataloghi di vendita per corrispondenza delle maglie da calcio) ho iniziato una ricerca sulle fasi che hanno portato alla nascita e allo sviluppo del merchandising sportivo in Italia. Ho così avuto modo di conoscere e frequentare Luciano Antonino e Marco Boglione, fondatori della Football Sport Merchandise che lei conosce benissimo, organizzazione che proprio grazie al “suo” Guerin Sportivo ha potuto determinare la nascita del fenomeno del merchandising calcistico in Italia.

  • APPROFONDIMENTI,  BLOG

    Il primo “kit del tifoso”

    Il “kit del tifoso”

    L’articolo art. 700 del primo catalogo F.S.M. della Juventus del maggio 1983 è un prodotto davvero curioso. Si tratta della prima versione di quello che, nei futuri cataloghi, sarebbe stato definito il “kit del tifoso”, ossia l’equipaggiamento da stadio che, almeno in questa prima versione (la fonte autorevole è Luciano Antonino) non riscontrò di certo il favore dei supporter bianconeri: non ne fu venduto nemmeno un esemplare! Di cosa si tratta?

  • APPROFONDIMENTI,  BLOG

    Il telaio di “Eduard Dubiet”

     

    Tutti i cataloghi della F.S.M. fino alla stagione 1988-89 sono caratterizzati da trafiletti che, in versione più o meno ampliata, descrivono il famoso telaio Dubied con cui veniva confezionata la cosiddetta maglia “All Time” della Juventus. Ad oggi la descrizione più esauriente del particolare macchinario è tuttavia quella che compare sul pannello esplicativo posto accanto al telaio, esposto in una apposita sala del quartiere generale di BasicNet a Torino, società proprietaria del marchio Robe di Kappa e, dal 2008, anche del prezioso cimelio.

     

    STORIA DELLA MACCHINA PER MAGLIERIA DUBIED

    Per conoscere la vera storia della macchina per maglieria “DUBIED” bisogna risalire al 1930, quando l’ingegnere svizzero Eduard Dubied (esperto in macchine per tessitura), tifoso juventino, dopo una serata piacevole con alcuni amici dirigenti della Juventus di allora, decise di progettare e fabbricare un telaio particolare per realizzare una maglia a strisce verticali con elasticità orizzontale. Nacque così una maglia bianconera speciale per la sua Juventus.

  • BLOG,  MAGLIE & CO.

    La maglia “Old Legend” della finale di Basilea

     
    Maglia “Old Legend Jersey”

    Nel catalogo Nike dei prodotti ufficiali della Juventus per la stagione 2005-2006, in un’epoca ormai distante dall’era F.S.M., ancora compaiono maglie griffate Robe di Kappa. Si tratta delle maglie Old Legend Jersey, la fortunata “operazione revival” che, iniziata nel 2000 (quando ormai la Lotto Sport si era sostituita all’azienda torinese nella fornitura tecnica per la Juventus), avrebbe per qualche anno ancora proseguito il sodalizio Juventus-Robe di Kappa-F.S.M. 

    Con l’operazione Old Legend Jersey, oltre a riproporre alcune maglie che avevano caratterizzato la storia recente e meno recente della Juventus, si rendono disponibili al pubblico delle fedeli repliche di maglie mai messe in commercio all’epoca in cui furono utilizzate in campo, periodo in cui il merchandising ufficiale stava muovendo i primi passi. Tra questa tipologia di maglie un ruolo di spicco occupa la storica maglia gialla utilizzata dai “bianconeri” il 16 maggio del 1984 a Basilea nella finale di Coppa delle Coppe, vinta dalla Juventus a spese del Porto.

  • BLOG,  F.S.M.

    Dalla F.S.M. alla “Old Legend Jersey”

     
    Rivista “Calcio Gold”

    Proponiamo di seguito una significativa intervista rilasciata nel dicembre del 2002 da Luciano Antonino (fondatore insieme a Marco Boglione della F.S.M.) a Mario Bruno, inviato della rivista “Calcio Gold”. In queste righe il signor Luciano traccia il percorso che conduce dalla F.S.M. all’operazione revival Old Legend Jersey:

    “MAGLIE LEGGENDARIE, ovvero maglie d’autore, copie fedeli di tenute da gioco particolari, magari realizzate con telai d’epoca e firmate. Sapete chi ha inventato il merchandising? Quella strepitosa emozione che provoca ogni tipo di oggetto indossato con coraggio, persino con sfrontatezza, per testimoniare e sostenere la propria appassionata idea sportiva? «Se mi consentite, l’ho inventato io». Il pioniere dell’abito da gara casual per i tifosi in genere si chiama Luciano Antonino, e vive, oggi proprio serenamente, in campagna in quel di Bairo, placida zona del Canavese, rigogliosa terra del Piemonte. Signor Antonino che fece, allora, tanti anni fa? «Assieme a Maurizio Vitale e a Marco Boglione, è storia del 1983, ci incamminammo su una strada che si è rivelata nel tempo molto importante e, se mi passate il termine, addirittura rivoluzionaria: decidemmo infatti di vendere i prodotti ufficiali delle squadre di calcio».