BLOG,  MAGLIE & CO.

La maglia “lucida” Robe di Kappa

#3 L. De Agostini

Nella stagione 1988-89 per la prima volta la Robe di Kappa (pur essendo sponsor tecnico della Juventus dal dicembre del 1978) realizza una maglia utilizzata in gare ufficiali dai giocatori bianconeri. Sino a quel momento, infatti, la Kappa si limitava ad apporre sulle maglie da gioco solo il logo dei “due omini”, lasciandone la effettiva realizzazione alla famiglia Savio “Maglificio Romano”, artigiani di Torino che dai primi anni ’70, utilizzando il famoso telaio Dubied, confezionavano la maglia bianconera. La prima maglia targata Robe di Kappa irrompe portando con sé importanti novità. Innanzitutto è realizzata in quel tessuto lucido (100% poliestere) che avrebbe caratterizzato le maglie da calcio dei primi anni ’90 e quindi introduce, sul dorso, le tipologie di numero che avrebbero di lì in avanti campeggiato sulle casacche bianconere: il numero “con doppia bordatura” (riservato, nel caso della maglia “lucida”, soltanto agli esemplari destinati al merchandising e poi utilizzato regolarmente dalla squadra fino alla stagione 1993-94 e, ) e quello “tridimensionale” (già apparso sulla maglia rosa del 90° anniversario, destinato alla maglia lucida “da campo” e successivamente utilizzato dalla Juventus solo in sporadiche circostanze). La nuova maglia, in realta’, sarebbe stata impiegata solo in qualche occasione, come per altro anticipato dalla descrizione del prodotto fornita dal catalogo F.S.M. della stagione ’88-’89:

“La maglia lucida. Novità. Realizzata a tempo di record dallo Sponsor tecnico Kappa, la nuova maglia lucida che la Juventus potrebbe adottare in particolari occasioni, vista la sua particolarita’ di brillantezza”. Cod. J0101 L. 69.000 [Cat. F.S.M. stagione 1988-89]

La “maglia lucida” sarebbe stata indossata nella prima partita di campionato giocata dalla Juventus contro il Como (per il resto le sue apparizioni si devono per lo più alle partite iniziali di Coppa Italia) ma comunque etichettata nel supplemento primaverile al catalogo F.S.M. come la “Maglia Ufficiale”. La maglia “storica”, in 100% cotone egiziano mako’, e’ invece indicata, nel medesimo catalogo, come Maglia “All Time” (ma di fatto la vera maglia utilizzata per la stagione ’88-’89). La “maglia lucida” fu prodotta dalla Robe di Kappa in due versioni, una a maniche corte (l’unica versione utilizzata effettivamente dalla squadra) ed una a manica lunga (sostanzialmente per il merchandising), e dotata di due differenti etichette interne: quella tradizionale anni ’80 rossa e blu (che accompagnava da anni l’abbigliamento tecnico Kappa della Juventus) ed una nuova, verde e con specifica indicazione “Maglificio Calzificio Torinese”. Con la nuova maglia, la prima dunque realizzata negli stabilimenti Kappa, è come se l’MCT volesse imprimere ulteriormente il suo marchio nella nuova etichetta interna verde, che avrebbe accompagnato di lì in avanti le nuove maglie della Juventus e l’abbigliamento tecnico della squadra fino alla stagione 1991-92. L’immagine dell’esemplare proposto in fotografia (appartenente ad una collezione privata) trova posto nella catalogazione recentemente operata da BasicGallery e la maglia è stata utilizzata da Gigi De Agostini proprio nella partita inaugurale contro il Como, match in cui lo stesso giocatore contribuisce, realizzando una rete, alla vittoria dei bianconeri per 3 a 0. L’esultanza di De Agostini dopo il suo gol contro il Como costituisce, inoltre, l’immagine che nel catalogo F.S.M. di quell’anno accompagna il trafiletto descrittivo della “maglia lucida”.