BLOG,  MAGLIE & CO.

La prima tuta “bianconera”

La tuta “bianconera”

“Tuta Presentazione. Disegnata e prodotta dalla Kappa, rivelatasi ancora una volta azienda leader nell’abbigliamento sportivo, unisce ai tradizionali bianco e nero richiami in verde e grigio, colori che da tempo siamo abituati a vedere nel look della Signora. Comp. 47% Triacetato, 53% Poliammide. Completa di marchio Juventus (da applicare). Cod. J0402, Lire 199.000 [Cat. F.S.M. stagione 1989-90].

Nella stagione ’89-’90 per la prima volta la Juventus presenta una tuta ufficiale dove i colori dominanti sono il bianco e il nero. Dopo le mitiche tute blu (blu e bianco da inizio anni ’80 sino al febbraio 1986 e blu e grigio fino alla stagione ’88-’89) ecco dunque una tuta “presentazione” bianconera, con inserti grigi e verdi, colore quest’ultimo caratterizzante l’abbigliamento tecnico dei primi anni ’90. La tuta bianconera presentata nella stagione ’89-’90 accompagnerà la Juventus sino alla stagione 1991-92, mentre dalla stagione 1992-93, con l’arrivo di Danone come sponsor, cambia il colore degli inserti, che divengono blu royal, e quindi anche il modello di tuta. In realtà, sebbene il modello sia il medesimo, la tuta della stagione ’89-’90 presenta alcune differenze rispetto a quella dei due anni successivi: esattamente come accade per la maglia bianconera il logo Kappa sulla sinistra del petto è di colore nero, mentre nelle due stagioni successive sarà verde e con la scritta Kappa; inoltre sul retro della giacca la tuta ’89-’90 riporta la scritta Juventus (nel medesimo stile che già compariva nella tuta allenamento ’88-’89) mentre nelle due stagioni successive al posto della scritta viene replicato il logo Kappa (in due misure, una più piccola ed una decisamente più grande). Nella stagione ’90-’91 la tuta bianconera verrà quindi affiancata da un’altra tuta molto simile, sempre bianconera con inserti verdi, realizzata dalla Kappa per celebrare la costruzione dello Stadio delle Alpi di Torino e presentata dal catalogo F.S.M. proprio come Tuta Presentazione “Delle Alpi”.