BLOG,  MAGLIE & CO.

La maglia “a jacquard”

#4 S. Reuter

“TUTTO NUOVO, ANCHE LA MAGLIA. La seconda rivoluzione Bonipertiana in due anni ha affidato a Zoff una squadra completamente rinnovata, sono arrivati uno straniero, un jolly, due attaccanti e giovani di sicuro avvenire. Tutto nuovo, come la maglia, come lo sponsor, come il prezzo per iniziare una nuova era bianconera. MAGLIA UFFICIALE. Particolarmente brillante e lucida la nuova tessitura, a jacquard, evidenzia i marchi della Juventus e dello sponsor tecnico; punto spugna interno antiaderente. Composizione 100% poliestere. Taglia unica. Cod. J0102, Lire 79.000″. [Catalogo F.S.M. stagione ’89-’90]

Nella stagione 1989-90 per la prima volta la Kappa produce effettivamente la maglia da gioco bianconera (con una prima anticipazione nella stagione ’88-’89 con la “maglia lucida”). L’etichetta interna verde con la data di fondazione del Maglificio Calzificio Torinese (1916) sostituisce definitivamente l’etichetta rossa in voga negli anni ’80 e nelle maglie in vendita sui cataloghi F.S.M. viene allegata un’ulteriore etichetta con codice numerico e con stampa, in filigrana, dello storico marchio dell’Aquila. Per il suo effettivo debutto la Robe di Kappa-MCT produce dunque una tenuta da gioco straordinaria, probabilmente una delle più belle della storia bianconera. Si tratta di un capo realizzato secondo il procedimento “a jacquard”, ossia utilizzando un accessorio applicato al telaio che permette la creazione di disegni complessi nella trama della maglia (il nome deriva dall’inventore del particolare telaio, il francese Joseph-Marie Jacquard, che nel 1801 presenta la nuova macchina, destinata ad essere considerata, per l’utilizzo di schede traforate, antesignana del moderno calcolatore). Con questo sistema in svariati punti della trama della casacca bianconera vengono inseriti, a mo’ di filigrana, il logo dei due “omini” della Kappa e lo stemma della Juventus, che di fatto compare così per la prima volta sulla maglia bianconera (riproposto poi in maniera nitida sul colletto della divisa della stagione 1994-95). Questo gioco “a jacquard” caratterizzerà la maglia Upim per ben tre stagioni, per una divisa che rimane praticamente invariata, fatta eccezione per il colore del logo Kappa presente sul petto (nero nella stagione ’89-’90 e verde nelle stagioni ’90-’91 e ’91-’92). Anche per le stagioni ’92-’93 e ’93-’94 la maglia rimarrà praticamente identica, riproponendo con il nuovo sponsor Danone ancora la medesima trama a “jacquard” e il logo Kappa verde (sebbene con una variazione riguardo il colletto).