• APPROFONDIMENTI,  BLOG

    La Juventus e il colore “verde”

    Il verde come inserto

    A partire dalla stagione 1987-88 il colore verde inizia a comparire come inserto nell’abbigliamento tecnico della Juventus. In quell’anno, alla tradizionale tuta blu da allenamento, si sostituisce infatti la nuova tuta “Training ‘90” che riporta sul petto, per la prima volta, la grande scritta Juventus con bordatura verde, logo che avrebbe di lì in avanti caratterizzato gran parte dell’abbigliamento tecnico della squadra fino alla stagione 1991-92 (dalla stagione seguente gli inserti verdi sarebbero quindi stati sostituiti da quelli blu royal, il colore della Danone, nuovo sponsor istituzionale). Sempre a partire dalla stagione ’87-’88 nei capi tecnici della squadra la targhetta interna al colletto di colore rosso è sostituita dalla nuova etichetta verde Kappa-MCT e il verde, dalla stagione ’90-’91 fino alla stagione ’92-’93, sarebbe addirittura andato a “colorare” il simbolo dei “due omini” Kappa presenti sulla maglia bianconera. Perché proprio questo colore? La risposta è certa. Il verde è la tinta dell’alloro che, in occasione delle celebrazioni del 1987 del 90° anniversario della Juventus, viene aggiunto come ornamento al logo ufficiale della società ed il suo colore, per qualche anno, è anche scelto dalla Robe di Kappa come inserto cromatico da affiancare al bianco e al nero.

  • BLOG,  MAGLIE & CO.

    La maglia “rosa” del 90° anniversario

    #11 M. Laudrup

    Il 1° novembre del 1987, in concomitanza delle celebrazioni del 90° anniversario della fondazione della società, la Juventus scende in campo contro l’Avellino (risultato di 3 a 0 per i bianconeri) indossando un inedito completo rosa, in ricordo della casacca degli esordi. Per quella unica partita la Robe di Kappa fornisce alla Juventus una maglia straordinaria, con grande colletto bianco, sponsor Ariston di colore nero, maniche lunghe con polsini bianchi e tessuto decisamente spesso rispetto alle abituali maglie messe a disposizione dal brand torinese. Il numero sulla schiena è nero come lo sponsor e in un particolare font tridimensionale, prima d’ora mai utilizzato e ripreso solo qualche anno più tardi in sporadiche occasioni. Anche sul versante del merchandising la maglia rosa costituì una particolarità: fu venduta in soli 999 esemplari tramite un apposito catalogo F.S.M. (di colore verde e dall’elegante formato ridotto) a sostegno dell’Airc, associazione per la ricerca contro il cancro. Assieme alla maglia i tifosi trovavano nella confezione, oltre ai calzoncini ed ai calzettoni dell’uniforme, anche una lettera di ringraziamento della F.S.M. firmata da Marco Boglione (allora presidente della Football Sport Merchandise ed oggi presidente di BasicNet, proprietaria del marchio Kappa) ed una lettera autografa, su carta intestata della società, del presidente della Juventus Giampiero Boniperti:

  • APPROFONDIMENTI,  BLOG

    Juventus & Robe di Kappa: 40° anniversario

    Vitale e Boniperti presentano la nuova maglia

    Esattamente 40 anni fa, il 17 dicembre del 1978, la Robe di Kappa apponeva per la prima volta il logo dei “due omini” sulla maglia di una squadra di calcio: la Juventus, impegnata quella domenica a Roma nella trasferta contro i giallorossi. Così descrisse l’avvenimento Rino Cacioppo, inviato de La Stampa:

    «Torino – Oggi all’Olimpico i giocatori della Juventus sulle tradizionali maglie bianconere oltre alla stella dei dieci campionati vinti ed allo scudetto tricolore di campioni in carica avranno un altro fregio. Si tratta di un piccolo marchio stilizzato che rappresenta un uomo ed una donna nudi seduti l’uno di spalle all’altro, gambe flesse, braccia poggiate sulle ginocchia. Stella e scudetto sul lato sinistro, marchio pubblicitario a destra. È il frutto di un accordo di “sponsorizzazione” per la divisa da gioco raggiunto fra la Juventus ed il Maglificio Calzificio Torinese […]. “Abbiamo accettato il Maglificio Calzificio Torinese fra diverse altre offerte – spiegava ieri il presidente Giampiero Boniperti prima di volare a Roma – soprattutto perché si tratta di un’azienda torinese” […]».

  • BLOG,  MAGLIE & CO.

    La maglia “All Time”

    #10 M. Platini
    Maglia da gioco bianconera ufficiale. Maglia prodotta con filati particolari 100% cotone, tessuta da una macchina unica al mondo, che permette la rigatura verticale e un’incredibile elasticità orizzontale, indistruttibile. Logotipo Sponsor Ariston ricamato. Logotipo Kappa-Sport ricamato, bicolore. Scudetto applicato tricolore, ricamato con stellette e bordi in filo oro lurex. Numero sul dorso ricamato (a richiesta). Rifinitura a mano – Taglia unica. Art. 100, Lire 90.000”. [Catalogo F.S.M. maggio 1983].

     

    Così scrive, visitando il magazzino della vendita per corrispondenza della Football Sport Merchandise, il giornalista di Repubblica Giancarlo Emanuel in un articolo, dal titolo “Pezzi di Juve”, datato 11 dicembre 1985: